Quello che segue è una specie di “best of” di Roma. Un “bestof” personale. La compilation di un percorso di paesaggi e luoghi del cuore che non trova posto nell’ufficialità celebrata dalle guide. Il tentativo di un libro-viaggio, come ti sarebbe piaciuto. L’avvicendarsi dei toni – dal confidenziale al giornalistico, dall’autobiografico all’introspettivo – rappresenta l’oscillazione dettata da un procedere per tentativi inseguendo una definizione che non esiste se non nel disargine. Perdersi a Roma è, in ultimo, una non-guida. Si tratta di un andare e un venire continuo, di uno sguardo in movimento e di un’analisi della stasi colta in un momento e un luogo speciali solo per un’avventura dell’anima. È il muovere del viaggiatore, dell’escursionista, di chi tradisce le premesse turistiche e ritorna alla radice del suo abitare i luoghi. In mezzo c’è una città per visitatori laterali. Quello che segue sono occhi sulla città. Punti di vista su quello che la normalità nasconde. Quello che segue, in un certo senso, è il racconto di chi ci soggiorna, ci è nato, in definitiva ci vive. Un libro di interviste agli scrittori, sui loro quartieri e sul loro rapporto con la città, un’antologia di brani di bella scrittura di autori che hanno sentito l’urgenza di dire questi luoghi in letteratura, dei viaggi personali

Perdersi A Roma - Roberto Carvelli

€ 13,00Prezzo
  • Categoria: Letteratura di viaggio

    Editore: Ediciclo

    ISBN: 9788865493885

    Lingua: Italiano

    Pp: 384

    Formato: Brossura, 12 cm x 17,7 cm